Haute Route Chamonix – Zermatt

8 maggio 2013

La regina delle traversate scialpinistiche

Le lunghe traversate di più giorni rappresentano da sempre il massimo che lo scialpinista più esigente cerca di realizzare. Già alla fine del secondo conflitto mondiale,  famose Guide Alpine italiane e francesi cominciarono ad organizzare le traversate da Chamonix a Zermatt, che in breve diventarono un percorso classicissimo e molto frequentato, e ancora oggi rappresentano una delle Haute Route più affascinanti delle Alpi.

Percorsa annualmente da un gran numero di appassionati, la traversata da Chamonix a Zermatt, con i suoi 95 km di sviluppo complessivo e 6.500 m di dislivello, rappresenta un vero e proprio banco di prova, per ogni sci alpinista che si rispetti. Idealmente congiunge, con un lungo percorso tra i ghiacciai, le due montagne simbolo delle Alpi. La partenza è a Chamonix (Francia), all’ombra del Monte Bianco, mentre la fine delle fatiche, dopo sei giorni di marcia, è a Zermatt (Svizzera), sotto l’imponente parete Nord del Cervino.

Queste alte vie, per chiamarle con la traduzione letterale dal francese Haute Route, danno spesso la sensazione di viaggiare con gli sci ai piedi, spostandosi di parecchi chilometri e riportando lo sci alla dimensione originaria di mezzo di trasporto. Quasi le splendide discese diventassero un di più,  di un viaggio fantastico attraverso le grandi montagne innevate delle Alpi..
Non solo il piacere dello sci, c’è da considerare anche l’esperienza del viaggio in completa autonomia, quindi zaini con pesi spesso è considerevoli, ci devono stare dentro i ricambi per più giorni, oltre alla normale attrezzatura da scialpinismo. Anche il materiale alpinistico come piccozza, ramponi, per non parlare della corda e dell’imbragatura, devono quasi sempre trovare posto nel sacco, visto che spesso il terreno di queste traversate è quello dell’alta quota, con percorsi su ghiacciai e tratti di discese ripide da fare assicurati..

In queste lunghe traversate è richiesta notevole esperienza scialpinistica, disponibilità alla rinuncia e grande sensibilità all’ambiente della montagna innevata. Infatti percorrere itinerari di più giorni, solitamente porta  a dover fare i conti anche con condizioni meteo non sempre buone, così come quelle della neve. A volte si è costretti a prendere decisioni importanti lungo l’itinerario e qualche volta, se necessario, rinunciare. Per questo le grandi traversate scialpinistiche rimangono la punta della disciplina, a cui ogni scialpinista è normale che aspiri, pur con l’umiltà di aspettare che la sua preparazione e la sua conoscenza della montagna le rendano un’esperienza consapevole.

In ogni caso una esperienza unica ed indimenticabile, che lascia un segno indelebile nella vita di ogni persona che la percorre. Per la maestosità delle montagne che si ammirano lungo il percorso, per la gioia di aver percorso, dopo tanta fatica, una piccola porzione di Alpi. Per aver conosciuto ed apprezzato i compagni di viaggio, per la spartana e sana vita di rifugio, per le divertenti discese e la consapevolezza di mettersi in gioco giorno dopo giorno.

Vorresti vivere un'avventura come questa?

Se ti interessa conoscere i miei itinerari di scialpinismo, compila il modulo di contatto con tutti i tuoi dati oppure chiamami direttamente al numero +39 338 5676100.

Inviando questo modulo, autorizzo il trattamento dei miei dati personali ai sensi del DL196 del 30/06/03, secondo le condizioni riportate in questa informativa.